Archivi
Ultime notizie

PASUBIO 1918 – 2018 “Per non dimenticare” La Strada delle 52 gallerie

“C’è l’abbiamo fatta” frase liberatoria pronunciata alla fine del campo nazionale “Pasubio 1918 – 2018”. Infatti dopo aver lavorato per mesi alla preparazione del campo, su cosa fare, su itinerari, proposte, gestione cambusa il mercoledì pomeriggio precedente all’evento Andrea mi chiama e dice: “Anna hai visto le previsioni metereologiche?” No!!!. Da ...

Leggi tutto

Il bello di stare insieme

Da oltre vent’anni la nostra Comunità di Saronno è gemellata con la Comunità del Liechtenstein e periodicamente ci scambiamo visite: loro vengono in Italia e noi andiamo da loro. Ci accomuna un progetto di cooperazione internazionale: insieme sosteniamo Harambee (che in Swahili significa “lavoriamo insieme”), un progetto per favorire l’autosviluppo in ...

Leggi tutto

M.A.S.C.I. Comunità “la Strada” Dueville

Nella nostra comunità consideriamo il campo estivo il momento più atteso dell’anno in corso. Preparare il campo estivo è come forgiare la comunità, che divisa in vari gruppi si presta a preparare  il programma . Quest’anno siamo partiti con un nuovo metodo suggerito all’incontro di inizio di tutte le comunità venete. Abbiamo ...

Leggi tutto

R.D.Congo: Le Formiche Emigrano

riceviamo e pubblichiamo da p. Alberto Rovelli Missionnaires d'Afrique Bukavu   RD CONGO   C’era una volta , nella foresta del Congo, un giovane che parlava con gli animali. Un giorno, andando a caccia, incontra, una lunga colonna di formiche nere che  gli tagliano la strada; un po’ timoroso si ferma stupito per la loro organizzazione!  incolonnate ...

Leggi tutto

Relazione del SR Calabria sulle attività del 2017-2018

Carissime sorelle e fratelli AASS, un altro anno ricco di passione ed entusiasmo è volato via tra le parecchie attività che via via si sono presentate. Dopo i diversi campi di comunità, il primo Consiglio Regionale del 30 SETTEMBRE - 01 OTTOBRE 2017, con pernotto, ci ha permesso “donandoci del tempo” di ...

Leggi tutto

Iniziativa di AFET AQUILONE onlus

La nostra Associazione, che, attraverso progetti di inclusione sociale e lavorativa, si occupa di persone in difficoltà, sta organizzando il trasferimento della sua sede in Via Galata 39A. Oltre dieci anni fa, gli scout frequentavano gli stessi locali per riunioni e per rifornirsi di equipaggiamento e divise. Molti soci di Afet Aquilone onlus hanno un passato scout e, pensando di svolgere ...

Leggi tutto

Cinquant’anni fa l’impegno degli scout dopo la tragedia del Vajont

970379_10200596197640470_2066610150_nIl 18 maggio, a cura del Centro Studi e Documentazione Scout “Don Ugo De Lucchi” di Treviso, si è svolto a Longarone un Convegno per ricordare il 50° anniversario dal disastro del Vajont . Il Convegno  dal titolo “Preparati a Servire” vuole ricordare il servizio che i Rover e le Scolte svolsero l’indomani della tragedia del Vajont, nell’ottobre del 1963. A loro toccò uno dei compiti più strazianti: il recupero delle salme, la loro ricomposizione e deposizione prima nelle casse, poi nel cimitero di Fortogna. Erano giovanissimi scout, di età media sotto i 20 anni, provenienti la maggior parte dal Veneto, e da un gruppo proveniente dall’Umbria e dalla Lombardia.

Io, scout di Spoleto, allora sedicenne, facevo parte del contingente umbro composto da 19 Rover, che partì quasi subito. Eravamo trascinati dallo spirito di Servizio ma non avevamo ben chiaro quale sarebbe stato il nostro utilizzo. Una volta sul posto, quando ci fu spiegato quale sarebbe stato il nostro compito, molti di noi entrarono in crisi, avevamo tutta la notte per decidere se accettare quel pietoso incarico di servizio al cimitero di Fortogna, o se essere inviati a Longarone al servizio della distribuzione del vestiario e dei generi alimentari.

Forse per la mia giovane età, la decisione fu molto sofferta, ricordo che per la tensione mi si bloccò lo stomaco, tanto che prima di andare a letto vomitai tutta la cena e mi sentii veramente male. Per tutta la notte non riuscii a prendere sonno, ma alla mattina avevo preso la mia decisione, quella  di prestare servizio al Cimitero di Fortogna, non potevo aver fatto oltre 500 Km per andare a distribuire vestiari.

Svolgemmo il lavoro in stile scout senza risparmiarci e sempre pronti ad esaudire ogni richiesta che ci veniva fatta dai parenti delle vittime, ed alla sera si faceva del nostro meglio per allestire, presso la struttura che ci ospitava insieme agli scampati al disastro, il fuoco di bivacco che ogni sera organizzavamo per allietare tanti visi tristi e per portare una ventata di ottimismo e di serenità.

Il lavoro prestato da tanti Rover provenienti da diverse parti d’Italia, fu evidenziato in modo particolare dalla televisione e dalla stampa nazionale e locale, tanto che l’ASCI fu insignita, per la prima volta,  con la Medaglia di Bronzo al Merito Civile.

Durante  il Convegno è stato presentato un interessantissimo libro, curato da Andrea Padoin, dal titolo “Preparati a Servire. L’intervento scout nel Vajont 1963”, che invito ad acquistare perché oltre riportare le esperienze degli scout intervenuti, offre una esaustiva panoramica sull’apporto che gli scout ebbero in quell’occasione.

Il occasione del Convegno, ho rivisto diversi scout veneti con i quali avevo lavorato a stretto contatto, e molti di loro oggi sono nel MASCI.

Il Corriere delle Alpi, per il Convegno,  ha intitolato il suo articolo “Quegli scout ragazzini diventati grandi sul Vajont” e ritengo che titolo non fu mai più veritiero, infatti, dopo questa fortissima e formativa esperienza, sono ritornato a casa molto cambiato “uomo”.

 

Enrico Biagioli

Lascia un Commento

You can add images to your comment by clicking here.

Dic: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31